LIRIUM 2016 – Conclusa la maxi esercitazione di Protezione Civile


LIRIUM 2016 – Conclusa la maxi esercitazione di Protezione Civile
Coreir
Da

Nel fine settimana dell’11 e 12 giugno si è svolta a Sora l’Esercitazione “Lirium 2016”, una delle più grandi attività addestrative di Protezione Civile realizzate nel corso dei recenti anni sul territorio della Regione Lazio.

L’esercitazione, organizzata dal COREIR in collaborazione con Regione LazioComune di Sora e ASL Distretto C, è stata finalizzata a testare e validare il livello di risposta nell’approntamento della nuova unità modulare campale per l’assistenza sanitaria di base e socio sanitaria “PASS”, di cui alla Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 6 aprile 2013, da dispiegarsi a supporto della popolazione colpita da catastrofe.

La struttura, presentata il 1 agosto 2015 presso il Consiglio Regionale del Lazio in via della Pisana, è stata allestita per la prima volta in Italia in ambiente urbano nella città di Sora dove, grazie alla collaborazione della ASL Direzione del Distretto C, sono state messe a disposizione gratuita della popolazione screening e visite mediche, con l’obiettivo di testare la reale capacità di servizio del complesso sanitario.

 

Le attività addestrative sono iniziate nelle prime ore del giorno 11 giugno con l’arrivo in Piazza XIII Gennaio delle due colonne mobili “Nord” e “Sud” che hanno da subito predisposto le unità di comando e supporto da dove sono state dirette tutte le attività.

In tempi record, due ore e mezza dall’inizio delle operazioni rispetto alle 12 ore preventivate, sono state approntate Il Posto di Assistenza Socio Sanitaria “PASS”, un campo di accoglienza per la popolazione, un complesso sociale e mensa ed una perimetrazione permanente con pannelli grigliati metallici. Il tutto completamente dotato di cablaggi elettrici e di alimentazione idraulica.

Particolarmente complessa per il numero di assetti operativi e logistici, organizzazioni di volontariato coinvolte e per la tipologia di attività, “Lirium 2016” è stata una notevole opportunità di addestramento sia per la qualità dell’offerta formativa, che per il significativo livello di pianificazione e procedure eseguite.

 

L’esercitazione ha visto coinvolti nelle due giornate più di 360 volontari, 70 tra autocarri leggeri e pesanti e macchinari operativi di differente specificità, 50 tra medici e personale sanitario della ASL. Sono state effettuate oltre 500 prestazioni sanitarie nelle varie aree ambulatoriali del “PASS” e serviti dalla cucina mobile più di 700 pasti.

 

Di particolare rilevanza la collaborazione con l’Ente Nazionale Sordi Sez. di Frosinone e l’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti Sez. di Frosinone, che hanno contribuito ad uno scambio di esperienze e rivolto al personale volontario delle organizzazioni di protezione civile corsi informativi sull’assistenza alle persone con particolari esigenze in condizioni di emergenza. L’inizio di questa cooperazione è volta ad apportare un reciproco scambio di esperienze funzionale a qualificare la preparazione degli operatori di protezione civile per l’assistenza professionale nel corso delle emergenze e coinvolgere come parte integrate del sistema di formazione anche persone diversamente abili.

Grande soddisfazione è stata espressa dalle varie Autorità coinvolte, per il successo di una esercitazione così vasta e complessa, che ha consentito di fare importanti passi avanti sotto il profilo dell’interoperabilità tra diverse componenti del sistema integrato di protezione civile, e ha messo alla prova un intero network di procedure e tecnologie all’avanguardia, che riportano il volontariato del Lazio tra l’elite del sistema nazionale di protezione civile.

In conclusione, gli obiettivi di “Lirium 2016” sono stati quelli di migliorare la capacità di risposta rapida del Coreir, di far interagire volontari di diverse realtà afferenti da tutto il territorio regionale, e formare una Task Force pronta sul territorio del frusinate in grado di agire in tempi rapidi e con efficacia in caso di calamità naturale.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *